Alfio
LA GUERRIERA
(CUCCIOLI)
Nikon D3000 Obiettivo 18/55 a 55 mm
f 5.6 1/20 sec ISO 160
Foto scattata in casa con limitata luce artificiale aiutato con un faretto aggiuntivo. Ho provato ad applicare le tecniche discusse in classe usando lo specchio, le ombre e la luce con l'obiettivo di far emergere la forza di volontà e il carattere determinato di mia figlia.

___________________________________

Arianna
HOLD ME
(ALLO SPECCHIO)
Nikon D3100
f/9 ¼ sec ISO 3200
Il compito di questa settimana mi ha messo in crisi nera!!
Ho pensato allo specchio perché volevo dare un taglio particolare al ritratto, ma non ci sono riuscita come avrei voluto.
Ho usato uno sfondo scuro in modo da far risaltare la luce del viso, ma la luce sulla mano è troppo “sparata”! Ho fatto tantissima a fatica a trovare la giusta messa a fuoco: alla fine ho scelto un compromesso tra il fuoco sul viso e il fuoco sulla mano. Fatica estrema insomma!!

___________________________________

Cecilia
LUCI SUL PALCOSCENICO DELLA SERA
(TRAMONTO)
FUJIFILM FINEPIX HS50EXR in modalità Sp1 scena tramonto
iso 250, 4,4mm, f 2,8, 1/30
Volevo fotografare un tramonto. Per farlo in modo insolito ho pensato di utilizzare il vetro della finestra che rifletteva la lampada accesa nella stanza. Ho bagnato il vetro per avere un'alterazione delle luci e dei colori. Il buio che contornava la scena luminosa , i colori all'orizzonte, le luci dei lampioni deformate dalle gocce hanno trasfigurato l'ordinario e mi hanno suggerito il titolo.
L'idea di palcoscenico me l'ha suggerita il riquadro nero e il finto astro che splende in cielo.
Sono abbastanza soddisfatta del risultato.

___________________________________

Elena
IN MOVIMENTO
(TRAMONTO)
Canon EOS 1200D
18mm f/5 1/60 sec. ISO-1600
L'dea era quella di fotografare il tramonto, ma ho sempre difficoltà a scattare foto a paesaggi/natura/tramonti perché non riesco mai a realizzare ciò che ho in mente.
Una sera sono andata su una collina per vedere meglio il tramonto e il cielo era piuttosto rosa ma dalla fotografia non si capisce molto, si vedono solo alcune sfumature leggere.
Mentre scattavo la foto, muovevo continuamente lo zoom appunto per creare questo effetto, per trasmettere a chi la osserva la sensazione di entrare nella foto.

___________________________________

Francesca – RIFLESSIONI AL TRAMONTO
(TRAMONTO)
Canon 7d
110mm
f/5,6
1/160
ISO 320
In realtà la foto dovevo scattarla la sera prima , sono passata in macchina e ho visto un sole rosso riflesso nei pannelli in alto all’edificio del bowling. Non avevo però con me la macchina fotografica , il tempo di andare a prenderla e il riflesso del sole era sparito. Sono tornata quindi la sera dopo alla stessa ora, però la foto non ha lo stesso effetto, perché quel bel sole rosso non c’era più. Quindi ho mantenuto l’idea ma non sono proprio soddisfatta. Da adesso in poi credo che la macchina fotografica la porterò con me almeno fino a fine corso. Ho pensato di unire i due soggetti un edificio noto vicino a noi e il tramonto.

___________________________________

Gennj
UNA STORIA
(CUCCIOLI)
Canon EOS1300
Tamron 18/200
1/2500 f:22 iso6400
In merito a questo compito ho avuto tantissime idee ma al solito pochissimo tempo, così ho fatto con quello che avevo: durante una passeggiata in montagna ho tormentato mio figlio Gioele e la sua amica Sara con le foto. Quindi il mio soggetto è "cuccioli". La foto non è convenzionale perché sono ritratti "da grandi", come in uno stralcio di vita rurale. Ho scelto questa foto perché mi sembrava che raccontasse una storia (da qui il titolo): dove sta andando lui? A cosa pensa lei?...  
Ho postprodotto diminuendo la luminosità perché era un po' sovraesposta.
Ho notato che la bambina e il bastone sono sulla linea dei terzi e che la porta è frame within a frame. 
La foto mi piace ma ho il dubbio di essere un po' fuori tema. Se così fosse fammelo sapere che ho qualche riserva o comunque un po' di tempo per costringere mio marito a mettersi a torso nudo. ;-)))

___________________________________

Giovanna
PASSAGGIO
(UOMO IN JEANS A TORSO NUDO)
iso280
f3.7 norm 16 m
wb auto
Luce naturale e due lampade
(una in alto a sinistra e una più in basso a destra)
Mi ha intrigato l'idea della foto di uomo a torso nudo e jeans. Ho dovuto sudare sette camicie per convincere mio figlio per farsi fotografare e si è "concesso" solo per 10 minuti (sigh!)
Ho voluto fotografarlo in camera sua, nel suo armadio, intanto che legge un libro, con le gambe in alto, per modificare l'immagine del maschio che ti guarda dall'alto in basso e attraverso i muscoli dimostra la propria disponibilità sessuale.
Mi piaceva l'idea di un corpo in trasformazione che rovesciando la propria figura reinterpretasse lo stereotipo
In realtà tra le poche foto che mi ha concesso di scattare è stato difficile scegliere quella giusta!
Come sempre nel mio caso ci voleva più tempo per poter avere più foto da scegliere, ma sono abbastanza soddisfatta.

___________________________________

Gloria
SCALA FIORITA VERSO IL CIELO
(ARCHITETTURE NOTE)
smartphone LG
in automatico
4,42 mm
f 1800
1/1002
ISO: 50
Il grattacielo di S.Boeri “Il bosco verticale”, visto e rivisto.....provo diverse inquadrature, sia perché non ho il grandangolo, sia perché il cielo di quella giornata merita un posto d’onore!
Lo scatto è fatto praticamente ai piedi del grattacielo guardando verso l’alto. L’angolazione crea l’immagine di un trapezio su fondo blu, le terrazze diventano come i pioli di una scala la cui geometria è rotta dai ciliegi in fiore.
Curiosità. Lo stesso giorno, sui social, compare una foto scattata dal fotografo di Boeri con la stessa inquadratura, ma presa all’angolo dell’edificio, L’immagine che ne esce è un triangolo su sfondo blu, ma l’idea è la stessa!

___________________________________

Joachim
EROE MASCHERATO
(CUCCIOLI)
Canon EOS 600D – Canon EF-S 18-55mm a 29 mm
f 4.5, 1/320, ISO 100
Scattata in una giornata con un cielo quasi coperto ho scelto un bambino di origine indiane (mio figlio), vestito con capi misti e un capello-maschera. L'ho posato davanti ad un vecchio cancello di ferro arrugginito, vistosamente in decadimento. Il bambino è seduto sulla linea del terzo sinistro del cancello, che fa da seconda cornice (oltre quella dei bordi della foto stessa). In basso scorre una linea orizontale (il gradino del cancelletto) con fogliette vecchie.
Il tempo breve di apertura è dovuto ad un errore di impostazione: prima avevo scattato delle foto con lo stesso modello che saltava: volevo congelare il salto in aria; non ho modificato l'impostazione per questa foto da fermo. Di seguito ho dovuto schiarire la foto in post produzione. I colori ho leggermente ‘spento’. Ho ritagliato un poco il bordo superiore per eliminare una catena che chiude il cancelletto, che non c'entrava con la foto, mantenendo comunque il rapporto originale dei lati.
Lo sguardo del bambino è fiero, da super-eroe. I vestiti e la maschera gli danno uno stile povero, un po' da ghetto. Un giovane che, nonostante la sua tenera età, ha delle battaglie da combattere. Il cancelletto contribuisce a questa atmosfera: il mondo (occidentale/italiano) arrugginito e che necessita di ristrutturazioni, nel quale il bambino, da immigrato, deve trovare un suo posto e una sua strada con la sua personale storia, che lo ha portato qui e che gli è scritto indelebilmente, almeno in grandi linee, in faccia.
Sebbene la composizione non mi convinca del tutto – la foto fu scattata prima della lezione AITO-4 – sono soddisfatto: mi sembra riuscita l'espressione è il tema di un bambino forte, nonostante ancora piccolo.

___________________________________

Lara
GIOCHI DI SPIRITO
(CUCCIOLI)
Canon 550D
obiettivo 18-55mm
auto ISO
Sono arrivata all'ultimo momento perché ho fatto fatica a scegliere la foto da mandare. Ne ho fatte tante ma poche mi hanno soddisfatto.
Questa era una delle più simpatiche e fatte con il "cuore"!!!
Io ero sdraiata a terra e ho inquadrato Martina dal basso con in mano uno luce artificiale proiettata sul viso. Come sfondo c'è lo specchio della camera.

___________________________________

Nevio
SGUARDO SOGNANTE
(ALLO SPECCHIO)
Canon EOS 40D
28-80 mm a 55 mm
f 13
0,3 sec.
ISO 1600

Tra le foto fatte di prova non è la migliore ma è quella che non ha sfondi che disturbano, è un po’ studiata e modificata fino a quando la pazienza di mia moglie ha resistito. Finalmente ho fatto una foto in manuale dove si vede quello che volevo fotografare senza che intervenga la fantasia.
Sono soddisfatto per avere iniziato una passeggiata e spero che diventi un viaggio.
Foto fatta come sempre all’ultimo giorno utile per non essere fuori tempo.

___________________________________

Raffaele
AFTER TRAINING
(…)
Canon 40D
50 mm
Iso 400
Tv 1/10
Av 3.5
Non ho scelto uno dei soggetti da te indicati ma una parte di un soggetto convenzionale. Nella scelta del soggetto “convenzionale” ho scelto la mia bicicletta, giocando con le sue forme. Il gioco di linee tra ruota, telaio e sfondo, mi è sembrato una buona prospettiva per mostrare una bici o meglio una parte di lei. Per minimizzare le ombre ho cercato di portare la luce perpendicolare ad essa e poi per dare una prospettiva quasi frontale sono salito su una pila di bancali. Ho scelto il bianco e nero perché valorizza in modo più efficace il gioco di linee. avrei preferito avere un tappeto di bancali e poter fotografare la bici nel sua interezza ma non avevo i mezzi per andare così in alto o meglio la possibilità di scattare di giorno. Sono contento del risultato a metà tra curva e rettilineo.

___________________________________

Sabrina
INVITATI AL BALLO
(ALLO SPECCHIO)
CANON EOS 550D
Lunghezza focale: mm. 29
diaframma: f/4.5
tempo: 2,5 sec
ISO 100 
Il progetto mentale: Volevo 'moltiplicare' il soggetto! Ho acquistato degli specchi quadrati. Ho creato una sorta di stanza quadrata, all'interno della quale ho posizionato la statuetta. Per illuminare ho usato una candela per creare intimità con una luce calda. E' stato difficoltoso fotografare in modo che non si vedesse riflessa la macchina fotografica perché lo spazio era molto piccolo...guardandola nel computer, mi sono accorta che non è perfettamente a fuoco (per via ancora degli occhiali progressivi nuovi e che non ho ancora imparato ad utilizzare bene o per aver scattato senza cavalletto?) e che forse, essendo la statuetta bianca, poteva essere più interessante modificare il colore nel bianco e nero e così ho fatto.
Ce l'ho fatta in parte perché avrei voluto che risultassero molte più statuette riflesse...non ho però sperimentato molto, proprio per mancanza di tempo. 

___________________________________

Serena
DIVERSI PUNTI DI VISTA
(UOMO IN JEANS A TORSO NUDO) 
Canon EOS 1200 / Obiettivo 18-55
1/40;  f 4;  iso 800 
In questa foto ho cercato un modo non convenzionale di fotografare un ragazzo in jeans e torso nudo. Nelle tipiche foto (di riviste o giornali), i modelli vengono fotografati in pose studiate e che mettano in risalto i loro fisici: nella foto scattata io ho cercato di non mettere come soggetto principale il corpo del ragazzo, ma il suo gesto: sta infatti pulendo un mobile qualunque di un bagno. 
La mia idea era quindi quella di eliminare l'immagine stereotipata del "bel ragazzo in posa", con un'immagine un po' più "vera", il cui obbiettivo è quello di far concentrare colui che guarda la foto sul gesto del ragazzo e non sul ragazzo stesso.  
Per realizzare questa foto sono andata nella casa dove ha vissuto mia nonna, ormai quasi del tutto vuota di arredi (ecco perché sullo scaffale del bagno non vi sono oggetti).
Inizialmente ho fotografato il ragazzo mentre leggeva un libro, seduto in mezzo ad altri tanti, in sala. Il risultato però non mi convinceva e ho provato a cambiare stanza, il bagno, dove ho scattato un po' di foto fino a trovare quella che mi sembrava la migliore, giocando con il riflesso nello specchio. Gli unici "problemi" sono stati che ho dovuto scattare controluce e che lo spazio non era molto grande, quindi non avevo modo di muovermi troppo per cambiare inquadratura, ma nonostante ciò sono abbastanza soddisfatta del risultato. 

___________________________________

Silvia
L’ARCO VISTO TRA GLI ARCHI
(ARCHITETTURE NOTE)
FUJIFILM FinePix HS10 HS11
f/5; 1/125 sec; ISO 100 
Volevo fotografare l'arco della Pace visto dal Castello Sforzesco; mi piaceva vederlo in lontananza, ma incorniciato tra gli archi. Stavo aspettando che la coppia passasse, poi nell'inquadratura mi piaceva comunque la presenza che dava un tocco "romantico".
sono abbastanza soddisfatta, ma mi sarebbe piaciuto mettere più in evidenza l'Arco della Pace.

___________________________________

Tobia
RIFLESSIONI SATIRICHE
(UOMO IN JEANS A TORSO NUDO) 
8,453 mm
f/7,1
1/100 sec.
ISO 100
Mi è venuta appena ho letto uomo a torno nudo e jeans assieme a “supera gli stereotipi”.
sono contento del lavoro anche perché si focalizzano bene entrambe le mani, quello che volevo :)