Miledù la Creatività è solidale

LA CREATIVITÀ È SOSTENIBILE

Oltre a essere una fotografa di ritratto lo sono anche di eventi e cerimonie. Quest’estate ho passato un po’ di tempo a raccontare per immagini il lavoro di Miledù, impresa sociale comasca che si propone di «facilitare l’inserimento lavorativo e sociale di persone a rischio di esclusione». Tra le loro attività, la coltivazione di fiori eduli, il ripristino di muri in pietra a secco, l’apicoltura e tanto, tanto altro. E poi la richiesta: scrivere per loro una definizione di creatività. Eccola.

Miledù la Creatività è solidale

CREATIVITÀ*

LA CREATIVITÀ È UNA RISORSA. PREGIATA MA DIFFUSA.

La creatività è un’idea complessa. Nelle definizioni delle sue caratteristiche ricorrono elementi essenziali quali la capacità inventiva; la ricerca e la voglia di sperimentare, trasformare e crescere; una certa indole ribelle, capace di rompere le regole ma anche di assumersene rischio e responsabilità; il coraggio di mettersi in discussione e di sbagliare, anche; certa capacità di divertirsi e di prenderla con ironia. Una cosa è certa. La creatività è un’idea eretica, brillante e fertile.

È alla portata di tuti e tutte? Sì.

LA CREATIVITÀ È UN MODO DI VIVERE: DI FARE, ESSERE E PENSARE.

La creatività va coltivata. È un terreno, uno spazio; è un paesaggio che si fa abitabile. Ospitale.

Esercitata anche solo nei piccoli gesti quotidiani, ha un fortissimo valore sociale poiché innesca il cambiamento e induce a fare meglio le cose.

E quando lo si fa insieme, è ancora di più: ci insegna a stare nella diversità.

Una pratica ecologica – Come modo di fare, la creatività è la capacità di vedere e costruire la relazione dove ancora non c’è. Coraggiosa e tenace è una competenza che va esercitata – come la democrazia – nel duplice senso per cui va allenata e agita.

Un’etica inclusiva – Come modo di essere, la creatività si nutre del dubbio e della meraviglia; sospende il (pre)giudizio; si gioca nel domandare e fa della curiosità nei confronti del diverso e del non-ancora-noto il fulcro del proprio procedere. In varie direzioni e con ritmi differenti. Senza lasciare indietro nessuno.

Una poetica rigenerativa – Come modo di pensare, la creatività educa sguardi nuovi e nuove prospettive, capaci di rappresentazioni del mondo rivoluzionarie. Mappe inedite. Nutrita d’immaginazione, in-forma e conferisce senso. Dà alla luce la novità. Con gioia.

LA CREATIVITÀ È SOSTENIBILE. PER TUTTI E TUTTE.

La pratica, l’etica e la poetica della creatività alimentano un processo di cambiamento armonico, capace di valorizzare il potenziale dei soggetti coinvolti in una duplice direzione: individuale e collettiva. Con creatività, ciascuno e ciascuna di noi esercita il diritto (che è anche un dovere) a dare forma al proprio avvenire. Con creatività, insieme, coltiviamo una visione del futuro, che si fa progetto e tragitto. Con uno scopo, quindi, ma senza fine. Del tutto e sempre rinnovabile, la creatività è una risorsa inesauribile.

E se la creatività è sostenibile, perché non pensare anche la sostenibilità come gesto anzitutto creativo?

Miledù la Creatività è solidale

Miledù la Creatività è solidale

Le e gli studenti della Summer School 2021 organizzata a Brunate.

Giulia Galera (Miledù) e Sonia Pistidda (Politecnico di Milano): tra le menti ideatrici e realizzatrici della Summer School settembrina.

……………………………………………..

* Questo testo – insieme a molti altri di autori e autrici ben più competenti di me – è stato pubblicato da Ecoinformazioni sul periodico 659 a cura di Somia El Hariry relativo al ciclo di webinar organizzati da due progetti: Rigenerare il territorio e la sua Comunità e Como Futuribile, che hanno visto tra i vari promotori l’impresa sociale Miledù.

Per sostenere le attività e i progetti Miledù:

Acquista i prodotti Miledù per doni solidali sul sito Lariomania.it
Fai una libera donazione a Miledù.

Nessun Commento

Commenta l'articolo: