DIRITTO D’USO, D’AUTORE E PRIVACY

DI CHI SONO LE FOTOGRAFIE, UNA VOLTA CONSEGNATECI E SALDATO IL CONTO?

Vostro è il diritto d’uso illimitato, mia la proprietà intellettuale delle immagini.
Questo significa che voi potrete utilizzarle a vostro piacere per ristampe e pubblicazioni private (cartacee, web, sui social network ecc.) a patto, quando possibile, di citarne l’autore (foto di Alle Bonicalzi). Mentre, come regolamentato dagli articoli 87 e 88 della legge 633/41 relativa al diritto d’autore, io mi riservo (unicamente) il diritto di utilizzare le immagini d’insieme e i ritratti degli sposi (se d’accordo) per la promozione del mio lavoro, senza ovviamente poterle cedere in nessun caso a terzi. Nel caso specifico di ritratti puri di soggetti altri (amici e parenti), eventuali utilizzi pubblici da parte mia o vostra potranno avvenire solo su consenso esplicito del o dei soggetti ritratti.

PUOI PUBBLICARE LE NOSTRE FOTO SENZA IL NOSTRO CONSENSO?

No. Per legge (diritto alla privacy), nessuno può pubblicare immagini private di persone non famose riconoscibili senza il loro permesso. Il fotografo professionista lo sa e rispetta questo diritto. Per deontologia professionale, inoltre (come stabilito dal codice di autoregolamentazione di Tau Visual, associazione di cui faccio parte), non scontenterò mai un mio cliente volontariamente: sebbene sia per me importantissimo avere a disposizione alcune immagini rappresentative del mio lavoro, utili per promuovermi e farmi pubblicità, per me gli sposi avranno sempre il diritto di veto, ossia la possibilità di chiedere e ottenere che un’immagine non sia pubblicata, divulgata o resa pubblica in alcun modo. Infine, per scelta personale, rispetto e approvo una politica di tutela dell’immagine e di diritto all’oblio, soprattutto nei confronti dei minori. Di tutto questo, con i miei clienti, io discuto in sede di contratto e ogni dettaglio dell’accordo raggiunto viene regolarmente controfirmato. Inoltre sono sempre a disposizione per qualsiasi chiarimento o rettifica.